Cronologia

1932 – L’organizzazione tabaccai diventa “Federazione Nazionale fascista dei rivenditori di generi di monopolio”.

1935 – Il 30 aprile si riunisce a Roma il Consiglio Nazionale della Federazione Nazionale.
Il Presidente è Fieramonte Ghirardini e il Direttore Aldo Schiavina, destinati entrambi ad essere ricordati tra i padri fondatori dell’attuale Federazione Italiana Tabaccai.
Riprende la pubblicazione de “Il Tabaccaio”, Aldo Schiavina ne è il Direttore.
L’Ufficio Nazionale di Protezione del Tabacco Italiano, costituto dal Gruppo Industriali del Tabacco nel 1929, diventa – con un nuovo statuto e personalità giuridica – Ente Nazionale per la Protezione del Tabacco Italiano, con Regio Decreto 10 dicembre 1931 n. 1820 e con un ulteriore Regio Decreto (del 4 luglio 1935 n. 2265) si chiamerà Ente Nazionale per il Tabacco.
Ha compiti di promozione, studio, sperimentazioni sul tabacco, assistenza ai produttori e ai rivenditori e supporto all’esportazione dei tabacchi greggi.

1936 – Il Regio Decreto n. 70 del 13 gennaio prevede le disposizioni per l’istituzione del Monopolio di vendita di cartine e tubetti di sigarette. Questo avrà fine il  1 gennaio 1970.

1938 – Il 17 maggio si svolge a Roma, nel salone della Confederazione Fascista dei Commercianti, il V Consiglio Nazionale della Federazione.
Il Decreto Ministeriale 30 dicembre 1938 attribuisce alla categoria dei magazzinieri le competenze organizzative della Federazione Nazionale Fascista dei Rivenditori di Generi di Monopolio e, di conseguenza, la categoria viene inquadrata nel Sindacato Nazionale. Tale provvedimento, tanto atteso dalla categoria, pone fine ad una situazione di disagio per la categoria stessa e per il personale dipendente che non ha mai potuto avere, fino a quel momento, l’inquadramento sindacale che le compete.

1939 - Il 10 settembre viene stipulato a Roma il Contratto collettivo nazionale di lavoro per il personale dipendente dalle aziende commerciali di merci d’uso e prodotti industriali, pubblicato sul Bollettino del Ministero delle Corporazioni il 30 settembre 1939. Il contratto unifica tutte le diverse norme contenute nei vari contratti in atto fino a quel momento circa le aziende di abbigliamento ed arredamento, del ferro, dei metalli ed altri...
Questo contratto ha un’ampia sfera d’applicazione e regola i rapporti di lavoro anche dei dipendenti delle rivendite e dei magazzini di vendita di generi di monopolio.