Deiters, H.G
Il mondo sulle scatole dei fiammiferi
Ruggero Aprile Editore, Torino
1969
143 pagine

Partendo dal mito di Prometeo, colpevole di aver rubato il fuoco agli dei per donarlo agli uomini, l’autore ripercorre la storia della produzione del fuoco.

Dai primi tentativi di mantenere viva la fiamma provocata da un fulmine o da un’eruzione vulcanica, allo strofinamento rapido tra loro di stecche di legno o di bambù.

Fino al Medioevo quando compare l’acciarino che, battuto obliquamente sulla pietra focaia, faceva cadere le scintille sull’esca, accendendola.

I primi fiammiferi, chiamati “Prometheus”, semplici stecchini di legno da immergere in un tubo di vetro pieno d’acido, vengono prodotti in Inghilterra all’inizio del secolo scorso.

Ma i veri e propri fiammiferi nascono il 7 aprile 1827 grazie all’intuito del farmacista John Walker.

Da lì, appaiono velocemente in tutti i mercati europei e presto nasce l’esigenza di “vestirli” per renderli anche accattivanti, oltre che utili.

Esplode così una vera e propria moda del fiammifero, che si piega ad ogni esigenza cambiando continuamente abito: diviene impermeabile per il pescatore, elegante per i ricevimenti o di lusso per le dame.

Ogni mese esce una nuova serie che, inizialmente, attinge ai romanzi storici, a re, principi e principesse.

Poi trae ispirazione, con ironia, alla politica fino alla comparsa, in tutte le tasche, di audaci e provocanti fanciulle.

Tanto che nel 1913 un regolamento impone ai fabbricanti di sottoporre le etichette al nulla osta dell’autorità di pubblica sicurezza per garantire che nelle vignette non ci fosse niente contro la moralità o lo Stato.

Compaiono anche etichette con fiori, animali, opere d’arte, costumi, danze e uniformi.

Poi, improvvisamente, ci si rende conto che i fiammiferi possono essere anche ottimi veicoli pubblicitari, considerata la loro ampia diffusione.

Ecco allora che le scatole si animano con disegni di rosolio, lame da barba o dentifricio ed inizia una nuova storia.

Il volume è arricchito di numerose immagini che raccontano l’evoluzione delle scatole di fiammiferi.

Il mondo sulle scatole dei fiammiferi